Dieter Wunderlich

The Challenge by Inverse Morphology

  • Abstract

Informations and abstract

Keywords:

In questo articolo vengono discussi i principi soggiacenti della "morfologia inversa" prendendo in considerazione le strutture sintattiche delle lingue algonchine Ojibwe e Plains Cree. Queste lingue mostrano diatesi diretta e inversa, marcata sullo stesso "stem" verbale, che non può essere identificata con l'attivo e il passivo. La diatesi diretta codifica che il soggetto è, in termini di persona, più saliente dell'oggetto, mentre la diatesi inversa codifica la situazione contraria. Non vi è una terza possibilità. Il marcamento di persona-numero correlato all'entità rimane lo stesso, indipendentemente dal fatto che una certa entità funzioni da soggetto o da oggetto del verbo. Questo tipo di morfologia neutra lizza, in tal modo, l'asimmetria lessicale dei verbi transitivi. È sostanzialmente diversa dalla morfologia di caso, che conserva l'asimmetria lessicale distinguendo tra accusativo e nominativo, oppure tra ergativo e nominativo. Inoltre, il fatto che le terze persone debbano essere ordinate l'una rispetto all'altra e possano essere solamente co-indicizzate con una persona dello stesso livello permette la simmetria soggetto-oggetto anche in sintassi, fatto inatteso se si parte dal punto di vista che la relazione anafora-antecedente è determinata dal c-comando.

Trova nel catalogo di Worldcat

Article first page

Article first page